Via col vento

Cast : Clark Gable , Vivien Leigh , Olivia De Havilland
Regia : Victor Fleming
Musiche : M.Steiner
Anno 1939


Nella Georgia del 1861 , attraverso le peripezie e i matrimoni di un’egocentrica fanciulla del Sud , Rossella O’Hara , viene dipinto un affresco melodrammatico ma spettacolare e coinvolgente della guerra di Secessione.

Il Film ha battuto tutti i record di spettatori paganti nella storia del cinema e riesce ad avere ancora grandi ascolti televisivi. La frase che la protagonista pronuncia alla fine del film :”Ci penserò domani.Dopotutto, domani è un altro giorno” è divenuta proverbiale.

8 PREMI OSCAR 1956:
MIGLIOR FILM
MIGLIO REGIA
MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA (VIVIAN LEIGH)
MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA (H.MC DANIEL)
MIGLIOR FOTOGRAFIA
MIGLIOR SCENOGRAFIA
MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
MIGLIOR MONTAGGIO



viacolvento





Il Dottor Zivago

Cast : Omar Sharif , Julie Christie , Geraldine Chaplin , Rod Steiger , Alec Guinness
Regia : David Lean
Musiche : Maurice Jarrè
Anno 1965


Il film è tratto dal romanzo scritto dal genio russo Boris Pasternak che vinse per questo libro il Premio Nobel nel 1958. Yuri e Lara si conoscono prima della Grande Guerra , quando lui è sposato con Tonya e lei all’idealista Pasha. Durante il conflitto si ritrovano perché lui è medico nell’esercito in prima linea e lei fa l’infermiera. Nel frattempo Pasha è diventato un pezzo grosso del partito comunista, salito al potere dopo la rivoluzione d’Ottobre , mentre la famiglia di Yuri s’è ridotta in miseria. Dopo il ritorno di Yuri a Mosca e il successivo trasferimento negli Urali , Yuri rincontrata Lara che diventa la sua amante , ma la felicità è di breve durata.

La pellicola , la cui regia è intensa e classica come le rigide atmosfere russe , scorre tra le immagini di quest’amore impossibile , diviso dalla Storia , dai Bolscevichi , dai Partigiani ma mai dal tempo che torna continuamente incontrando i suoi amanti anche tra impossibili distanze. La Prima Guerra Mondiale sullo sfondo di Mosca appare dilaniata e le immagini di Davide Lean sono di una bellezza sconvolgente con inquadrature classiche capaci d’interpretare ogni frammento lasciandoti innamorato dello schermo durante le oltre tre ore del film. Sicuramente uno dei migliori film dell’intera storia del cinema.

5 PREMI OSCAR 1965:
MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
MIGLIOR FOTOGRAFIA
MIGLIOR SCENOGRAFIA
MIGLIOR COLONNA SONORA
MIGLIORI COSTUMI.

5 GOLDEN GLOBE 1966

3 DAVID DI DONATELLO 1967:
MIGLIOR REGISTA STRANIERO (DAVID LEAN)
MIGLIORE ATTRICE STRANIERA (JULIE CHRISTIE)
MIGLIORE PRODUZIONE STRANIERA (CARLO PONTI)


dottorzivago